Agenda digitale: Regioni, ok da ministro Pisano a riattivazione cabina regia. Il 19/12 previsto punto della situazione BUL

Un accordo quadro tra le Regioni e il ministero dell’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione per presidiare e accelerare l’attuazione dell’Agenda digitale, ricostituendo la cabina di regia prevista nel 2013 e rimasta di fatto lettera morta: è l’intesa raggiunta tra il ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano e il coordinatore della Commissione speciale Agenda digitale della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, l’assessore del Friuli Venezia Giulia ai Servizi generali e Sistemi informativi Sebastiano Callari.

“Il fatto di riconoscere il ruolo delle Regioni e il loro coordinamento come fattore aggregante – ha commentato Callari in una nota- è un aspetto di grande rilievo per superare la frammentarietà che si è interposta tra le decisioni governative sul digitale e la loro effettiva attuazione sui territori. La ricostituita cabina di regia – ha aggiunto – dovrà fissare alcuni obiettivi strategici ben precisi e misurabili da portare avanti in tempi ravvicinati”.

“Una semplificazione – così si è espresso l’assessore Fvg – è necessaria anche per il Cad, il Codice dell’amministrazione digitale, che deve diventare una sorta di carta costituente contenente linee guida fondamentali anziché uno strumento complesso che è più di peso che di vantaggio”.

Nell’incontro con il ministro è stata fissata già per il prossimo 19 dicembre una riunione per fare il punto sull’avanzamento nell’infrastrutturazione della banda ultra larga nelle aree bianche e grigie. A tale proposito, l’assessore e coordinatore ha manifestato a Pisano la “disponibilità della Regione a fungere da stazione appaltante per il territorio del Friuli Venezia Giulia, laddove ciò risulti utile a velocizzare le operazioni”.

Altro tema dell’incontro tra il coordinatore delle Regioni e il ministro, l’avanzamento delle piattaforme di identità digitale e di pagamento elettronico verso la Pubblica amministrazione, “asset – ha rilevato Callari – che devono decollare presentandosi in maniera agile e attrattiva. Spid e PagoPa hanno bisogno di un colpo d’ala e su questa strada è bene lavorare sul principio fissato a Venezia dalla Commissione speciale Agenda digitale di 1 euro a cittadino”. Su questa tema è stato prospettato un incontro ad hoc con il ministro nel mese di gennaio.

Già in sede di legge di Stabilità, il coordinatore e assessore ha infine proposto al ministro di inaugurare “un fondo nazionale per l’innovazione digitale che possa diventare uno snodo di collaborazione operativa tra Governo e Regioni, affiancando risorse nazionali proprie ai fondi dedicati e che, finora, sono integralmente di derivazione comunitaria”.

10 Dicembre 2019

MISE
Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica, di Radiodiffusione e Postali

Crescita Digitale in Comune

Progetto finanziato dal Ministero dello sviluppo economico

BUL
Strategia italiana per la Banda Ultra Larga per fare dell’Italia un paese più veloce, più agile, meno burocratico, più moderno.

Su
Crescita Digitale in Comune