Agcom: la banda ultralarga sta per effettuare il sorpasso in Italia sull’Adsl

A fine marzo gli accessi complessivi della rete fissa si riducono di circa 130 mila unità rispetto al trimestre precedente (-500 mila unità rispetto a marzo 2018), con Tim che per la prima volta scende sotto il 50%. I dati dell’Osservatorio sulle Comunicazioni, diffusi dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, evidenziano tuttavia profondi mutamenti nella composizione delle tecnologie utilizzate per la fornitura del servizio: se nel marzo del 2015 oltre il 93% degli accessi alla rete fissa era in rame, dopo quattro anni questi sono scesi a meno del 55%, pari ad una flessione di oltre 8 milioni di linee.

Nello stesso periodo (marzo 2015 – marzo 2019) sono cresciuti gli accessi tramite altre tecnologie qualitativamente migliori, in particolare quelle in tecnologia FTTC (+6,35 milioni di unità), FTTH (+650 mila) e FWA (+ 680 mila). Il peso delle linee broadband in tecnologia xDSL per la prima volta scende al di sotto del 50%. Tale dinamica si riflette in un aumento delle prestazioni della rete in termini di velocità di connessione: le linee con velocità inferiore ai 10 Mbit/s, infatti, rappresentano a marzo 2019 meno del 23% delle linee broadband e ultrabroadband, rispetto al 74% del marzo 2015. Nello stesso periodo, viceversa, il peso delle linee con velocità pari o maggiore di 30 Mbit/s è passato dal 4,5 al 48,5%.

30 Luglio 2019

MISE
Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica, di Radiodiffusione e Postali

Crescita Digitale in Comune

Progetto finanziato dal Ministero dello sviluppo economico

BUL
Strategia italiana per la Banda Ultra Larga per fare dell’Italia un paese più veloce, più agile, meno burocratico, più moderno.

Su
Crescita Digitale in Comune